Borsa: Milano chiude in calo (-0,14%), giù Cnh, Tim ed Eni

(ANSA) – MILANO, 14 SET – Piazza Affari ha chiuso in calo in coda alle altre borse europee (Ftse Mib -0,14% a 19.793 punti) nonostante l’ottimismo che ha prevalso finora a Wall Street (Dow Jones +1,3%) e sul Nasdaq (+2,31%) a due giorni dalla riunione del Comitato federale della Fed (Fomc) per decidere sui tassi e diffondere le proprie proiezioni economiche. Decisamente estivi gli scambi, per 1,34 miliardi di euro di controvalore, come nelle settimane centrali di agosto. Segno meno per Cnh (-2,4%), mentre il greggio invariato a quota 37,3 dollari al barile e le stime sul calo della domanda diffuse oggi dall’Opec hanno frenato Eni (-1,62%) e Saipem (-1,54%). In ribasso anche Tim (-1,79%), Italgas (-1,75%), Enel (-1,29%), Snam (-1,1%) e Tenaris (-0,89%). Le possibili aggregazioni nel settore dei semiconduttori hanno spinto Stm (+3,74%), maglia rosa del listino, nel giorno in cui Nvidia ha raggiunto un accordo con Softbank per rilevare Arm per 40 miliardi di dollari (33,69 mld euro. Contrastati i bancari, con prese di beneficio per Banco Bpm (-1,52%) dopo la corsa di giovedì scorso. Poco mossa Intesa (-0,01%), in cordata con Euronext e Cdp per rilevare Borsa Italiana dal gruppo Lse, positive Unicredit (+0,39%) ed Mps (+0,28%). Non hanno frenato Fca (+0,7%) le possibili restrizioni dell’Ue in termini di norme anti emissioni.
    Tra i titoli a minor capitalizzazione bene Sesa (+1,63%) dopo i conti trimestrali. Rally di Acotel (+24,56%) e Brembo (+4,84%), scivolone di Tiscali (-14,05%) dopo una serie di sedute favorevoli a seguito dell’accordo commerciale con FiberCop, la società voluta da Tim per la rete unica. (ANSA).