Peugeot 2008, suv compatto da sguardo felino e anima elegante

In occasione della Design Week a Milano lo scorso anno, Peugeot lanciava – in anteprima assoluta in Italia – la sua strategia ‘Unboring the future’, una sorta di manifesto della mobilità del futuro capace di apportare una ventata di freschezza in materia di stile, design e tecnologia. E dopo la 208, la compatta che è stata foriera di questa nuova filosofia, la casa del Leone è arrivata sul mercato con un’altra importante novità nell’affollatissimo segmento dei suv compatti.

La seconda generazione di 2008 incarna pienamente i nuovi assiomi del marchio francese e, grazie alla piattaforma flessibile CMP, la stessa di 208 e Opel Corsa, è proposta sul mercato nelle varianti benzina, diesel e full electric, offrendo ai clienti quella ‘power of choice’ che consente di scegliere un’auto in base ai gusti personali, a prescindere dall’alimentazione.

Più lunga della versione precedente (raggiunge ora i 4,30 metri), rispetto alla quale però è leggermente più bassa, nuova 2008 propone nel frontale lo sguardo “felino” che contraddistingue tutti i modelli del nuovo corso della casa del Leone, a partire proprio dalla sorella minore, la citycar 208.

Ad accomunarle, ad una prima occhiata, ci pensa già il frontale: la griglia anteriore, i fari e i due graffi verticali ne identificano l’appartenenza al marchio, rimarcando uno stile e da una eleganza fuori dal comune.

Le linee audaci si sposano con un design muscoloso, soprattutto nelle fiancate laterali, dove le forme spigolose creano interessanti giochi di luce.

Confortevole all’interno, grazie ad un’ottima insonorizzazione dell’abitacolo, e ad una buona luminosità, garantita dal tetto panoramico, nuova 2008 utilizza materiali di qualità soft touch (un esempio su tutti i sedili in pelle e Alcantara) e non rinuncia alla spazio di bordo: il bagagliaio raggiunge una capacità minima di 434 litri.

Nuova Peugeot 2008, il suv del Leone compatto ed elegante

L’esperienza di guida ergonomica è garantita dall’I-cockpit, ormai diventato un ‘must’ su tutte le vetture del Leone mentre il display – come per la 208 – è in 3D e pone su livelli differenti le varie informazioni che occorrono quando ci si trova al volante. L’integrazione con lo smartphone è garantita, invece, dalla compatibilità con Apple Carplay e Android Auto che propone un ottimo sistema di mirroring, semplice ed intuitivo già dall’attivazione. La versione in prova, GT PureTech da 155 cv con cambio automatico EAT 8 dispone, tra gli altri optional, di cerchi in lega da 18” e del sistema di assistenza al parcheggio che si sommano ai numerosi Adas disponibili di serie su questa vettura.

Tra questi la frenata automatica, il mantenimento della corsia, il riconoscimento dei segnali, solo per citare quelli più ‘amati’ dagli automobilisti. In vendita a partire da 32mila euro (34.850 per la versione della nostra prova, che monta anche l’impianto audio Focal), la Peugeot 2008 GT rappresenta un buon compromesso per spazio e tecnologia anche per chi la sceglie come prima auto di famiglia, adatta all’uso urbano ma capace di destreggiarsi al meglio anche nelle gite fuori porta. Questo grazie ad un’ottima insonorizzazione a bordo e ad una trasmissione veloce che consente una marcia fluida con le ‘cambiate’ che risultano davvero impercettibili sia nel traffico cittadino, che nelle lunghe percorrenze autostradali, per i quali i consumi si attestano a circa 14,5 km al litro. In città siamo circa sui 10 km con un litro per una media complessiva di 7,8 litri per 100 km percorsi.