Piccoli Comuni a rischio crac: un ente su quattro schiacciato dai debiti

PICCOLI COMUNI A RISCHIO DI CRACK

Incidenza del debito sulla spesa corrente dei Comuni. Dati 2016 (Fonte: elaborazioni IFEL su dati Ministero dell’Interno. Campione: 7.215 enti su 7.415 – escluse Regioni a statuto speciale del Nord)

PICCOLI COMUNI A RISCHIO DI CRACK

Per avere un’idea più chiara della questione basta pensare al fatto che nel conto economico consolidato della Pa, che comprende le amministrazioni centrali, regionali e locali, il super-debito italiano assorbe il 7,9% della spesa corrente complessiva, cioè 63,98 miliardi su 812,6 (dati 2019 nel Def appena approvato). Se un bilancio pubblico così indebitato dedica agli interessi meno dell’8% della spesa, è evidente che un ente che gira alla stessa voce il 12 o il 18% delle uscite correnti ha un problema serio. E spesso, nei piccoli bilanci dei mini-enti, a generarlo basta un mutuo, o un gruppo di mutui accesi in un passato lontano quando gli interessi erano più alti.

PER SAPERNE DI PIÙ / Debito di Roma, quel buco nero da 12 miliardi che fa litigare (anche) M5S e Lega

Norme e politica
Non è del tutto esatto dire che la politica si è dimenticata di questo tema. Si è dimenticata, per ora, di risolverlo. Il dossier è già finito sul tavolo del governo, e ha prodotto due norme. La prima è scritta al comma 961 dell’ultima legge di bilancio, e prevede la possibilità di rinegoziazione dei mutui accesi con Cassa depositi e prestiti prima del 2003 e poi passati al ministero dell’Economia. È una mossa parziale, perché riguarda 2,2 miliardi complessivi in tutti gli enti locali, ma può dare una mano: ma il decreto attuativo dell’Economia, atteso entro il 28 febbraio, non è arrivato.

Un’altra norma punta a un obiettivo più generale. Si tratta dell’articolo 11-bis, comma 3 del decreto semplificazioni, convertito a febbraio, in cui si prevede la creazione di un tavolo tecnico-politico fra ministero dell’Economia, Viminale e amministratori locali con il compito di «formulare proposte per la ristrutturazione del debito locale». A segnalare l’urgenza del tema ci sono i tempi record previsti per l’istituzione del tavolo, che avrebbe dovuto vedere la luce «entro dieci giorni». Ma due mesi e mezzo dopo, non è successo nulla.

Ora la questione tornerà al centro con il passaggio parlamentare del decreto crescita. Alla vigilia delle amministrative in quasi 3.900 Comuni su 8mila, Lega e M5s hanno ingaggiato una battaglia su chi si dimostra più attento alle esigenze comunali. Ma finora la competizione interna alla maggioranza sul «salva-Roma» e non solo ha impedito passi in avanti reali.